I Miracoli del Corano 1&2

Download del libro

Download (DOC)
Download (PDF)
commenti

capitoli del libro

< <
6 / total: 11

Parte Seconda: Le Predizioni del Corano

La Vittoria Dei Bizantini

Una predizione davvero sbalorditiva si trova nei primi versetti della Sura ar-Rum (i romani) che parlano dell’impero bizantino, la parte più orientale dell’ultimo impero romano, che combatté contro una forte difesa riuscendo, alla fine, ad ottenere la vittoria.

Sono stati sconfitti i Romani nel paese limitrofo; ma poi, dopo essere stati vinti, saranno vincitori, tra meno di dieci anni – appartiene ad Allah il destino del passato e del futuro – e in quel giorno i credenti si rallegreranno. (Corano 30: 2–4)

Questi versetti furono rivelati intorno al 620 d.C., quasi sette anni dopo che gli idolatri persiani ebbero pesantemente sconfitto i cristiani bizantini tra il 613 e il 614. I bizantini subirono gravi perdite e sembrava impossibile che riuscissero a sopravvivere. Dopo la sconfitta, i persiani presero il controllo di Damasco, Cilicia, Tarsus, Gerusalemme e dell’Armenia. La perdita di Gerusalemme nel 614 fu particolarmente traumatica per i bizantini, perché la Chiesa del Santo Sepolcro fu distrutta ed i persiani si impadronirono della “Vera Croce”, il simbolo del Cristianesimo. Anche gli Slavi, i Lombardi e gli Avari rappresentavano una seria minaccia per l’impero bizantino. L’imperatore Eraclio fece fondere l’oro e l’argento che si trovavano nelle chiese per trasformalo in monete da utilizzare per pagare le spese dell’esercito; questo però non fu sufficiente, e così fece fondere anche le statue di bronzo. Molti governatori si ribellarono ad Eraclio, e i bizantini furono sul punto di crollare. 114 Mesopotamia, Cilicia, Siria, Palestina, Egitto ed Armenia, che prima appartenevano ai bizantini, furono invase dai persiani. 115

Durante questo periodo furono rivelati i primi versetti della Sura ar-Rum, che annunciavano che i bizantini avrebbero trionfato entro dieci anni. I politeisti arabi non credettero a questa predizione.

Come tutte le altre predizioni del Corano, però, anche questa si realizzò. Nel 622 Eraclio sconfisse i persiani varie volte e conquistò l’Armenia.116 Nel dicembre del 627 i due imperi combatterono una battaglia decisiva a Nivea, circa 50 km ad est del fiume Tigri, vicino a Bagdad, e anche questa volta l’esercito bizantino sconfisse i persiani. Pochi mesi dopo i bizantini obbligarono i persiani a restituire i territori che avevano sottratto loro.117

La vittoria dei bizantini fu completata quando l’imperatore Eraclio sconfisse il governatore dei persiani Khosrow II nel 630, riconquistando Gerusalemme e la “Vera croce” della Chiesa del Sacro Sepolcro.118 Quindi “la vittoria dei romani” proclamata da Allah (Sono stati sconfitti i Romani), si avverò miracolosamente in meno di dieci anni, come riportato nel versetto (tra meno di dieci anni).

map deadsea

1. IL MEDITERRANEO
2. TEL AVIV

3. GERUSALEMME
4. IL LAGO DI LOT

5. Il Mar Morto

Il bacino del Mar Morto dove i bizantini furono sconfitti dai persiani. La zona del Lago di Lot, che è la zona più profonda del mondo, si trova a 395 metri al di sotto del livello del mare.

Un altro miracolo rivelato in questi versetti è l’accenno ad una caratteristica geografica che nessuno all’epoca della rivelazione poteva conoscere, cioè il fatto che i romani sarebbero stati sconfitti nella regione più profonda della terra. L’espressione araba “adna al-ard” è stata tradotta nel versetto come “nel paese limitrofo”; questa è però un’interpretazione figurale e non la traduzione letterale. La parola “adna” deriva dalla parola “dani” che significa “il più basso” o “il più profondo” e la parola “ard” significa “terra” intesa anche come “pianeta terra”. Quindi l’espressione “adna al-ard” letteralmente significa “il posto più basso o più profondo della terra”.

Kudüs

Alcuni traduttori del Corano hanno preferito usare l’espressione “paese limitrofo” considerando la vicinanza della zona agli arabi. Il suo vero significato indica un'importante realtà geografica: quella del Mar Morto, che oltre ad essere una delle zone in cui furono sconfitti i bizantini, è anche la zona più bassa sulla terra.119 Come detto prima, per i cristiani bizantini la perdita della Vera Croce fu il colpo più duro di quella sconfitta che avvenne a Gerusalemme vicino alle rive del Mar Morto.

I bizantini e i persiani combatterono nel bacino del Mar Morto, che si trova nel punto di incrocio tra le terre appartenenti a Siria, Palestina e Giordania. A 417 metri sotto il livello del mare, il Mar Morto è il posto “più basso” sulla superficie della terra.

Sono stati i metodi e gli strumenti di misurazione moderni a comprovare questo fatto che era impossibile conoscere all’epoca della rivelazione del Corano. Il Corano riporta però chiaramente che quella è la zona della terra più profonda e questa è un’altra prova che è la parola di Dio.

Kudüs

Il Lago di Lot

La Preservazione del Corpo di Faraone

Firavun

Faraone riteneva sé stesso una divinità. quando il profeta Mosè lo invitò a credere in Dio, rispose con minacce e calunnie. Questo atteggiamento arrogante continuò fino al momento della sua morte per annegamento.

Il Corano afferma:

E facemmo attraversare il mare ai figli di Israele. Faraone e le sue armate li inseguirono per accanimento e ostilità. Poi, quando fu sul punto di annegare, (Faraone) disse: “Credo che non c’è altro dio all’infuori di Colui in cui credono i Figli di Israele che sono tra coloro che si sottomettono.” (Corano 10: 90)

La conversione avvenuta alla fine della sua vita non venne però accettata da Dio in quanto non era sincera. Secondo il Corano Dio affermò:

(Disse Allah): “Ora ti penti, quando prima hai disobbedito ed eri uno dei corruttori?” Oggi salveremo il tuo corpo, affinché tu sia un segno per quelli che verranno dopo di te”. Ma in verità la maggioranza degli uomini sono incuranti dei Nostri segni. (Corano 19: 91-92)

L’informazione che il corpo di Faraone sarebbe servito come segno per le generazioni future, può indicare il fatto che il suo corpo sarebbe stato mummificato e quindi non si sarebbe decomposto. Dopo l’annegamento, il corpo di Faraone fu trasportato fino alla riva dove fu raccolto e mummificato dagli egiziani.120

La Conquista di Mecca

Firavun

Allah mostrerà la veridicità della visione (concessa) al Suo Messaggero: se Allah vuole, entrerete in sicurezza nelle Santa Moschea (Mecca), le teste rasate (o) i capelli accorciati, senza più avere timore alcuno. Egli conosce quello che voi non conoscete e già ha decretato oltre a ciò una promessa vittoria. (Corano 48: 27)

Una notte il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) mentre si trovava a Medina, sognò i credenti che entravano nella Sacra Moschea a Mecca e camminavano intorno alla Ka’bah (la costruzione cubica che si trova al centro della Mecca). Quando si risvegliò, raccontò il suo sogno ai credenti che, emigrati con lui da Mecca a Medina, dal momento della loro emigrazione non erano più riusciti a ritornare alla loro città.

Nel versetto sopra Allah rivela al profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) che Egli lo avrebbe aiutato e sostenuto, che il suo sogno era vero e che i credenti sarebbero ritornati a Mecca. Poco tempo dopo, grazie all’accordo di al-hudaybiyya e alla conquista di Mecca, i credenti entrarono nella Santa Moschea in totale sicurezza, proprio come rivelato nel sogno.

Questo versetto può intendere anche un’altra vittoria che avvenne prima della presa di Mecca e cioè la presa della fortezza di Khyber, (sempre a Mecca), che era sotto il controllo degli ebrei prima che si impossessassero anche di Mecca.121

I seguenti sono altri due versetti che danno la lieta novella della conquista di Mecca:

Egli è Colui che nella valle della Mecca ha trattenuto da voi le loro mani e da loro le vostre, dopo avervi concesso la supremazia. Allah osserva quello che fate. (Corano 48: 24)

In verità ti abbiamo concesso una vittoria evidente, affinché Allah ti perdoni le tue colpe passate e future, perfezioni su di te il Suo favore e ti guidi sulla retta via; e affinché Allah ti presti ausilio possente. (Corano 48: 1-3)

Mekke

Il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) entrò a Mecca e la conquistò nell’ottavo anno dopo la hijra (l’emigrazione da Mecca a Medina), cioè nel 630 d.C. Due anni dopo tutti i miscredenti lasciarono Mecca, come aveva annunciato Allah. Un altro punto da notare qui è che quando il Profeta diede ai credenti la notizia della sua visione, sembrava un fatto che non sarebbe mai potuto accadere; le cose infatti in quel momento stavano andando nella direzione opposta ed i politeisti erano molto determinati nell’impedire ai credenti di entrare a Mecca. Il Profeta però ebbe fiducia nelle parole di Allah e la predizione si realizzò poco tempo dopo.

Il Viaggio Sulla Luna

Per la luna quando si fa piena: invero passerete attraverso fasi successive. (Corano 84: 18–20)

Dopo aver giurato sulla luna, il versetto sopra afferma che l’essere umano salirà in “fasi successive”. Il termine “tarkabunna” tradotto sopra come “passerete”, deriva dal verbo “rakiba” e significa “montare, camminare lungo un percorso, seguire, imbarcarsi su qualcosa, partire, partecipare, o governare”.

Le navicelle spaziali per raggiungere la luna passano attraverso tutti gli strati dell’atmosfera, oltrepassandoli uno dopo l’altro; iniziano poi a muoversi attraverso il campo gravitazionale della luna. E’ quindi molto probabile che l’espressione “invero passerete attraverso fasi successive” faccia riferimento ai veicoli che, passando attraverso i vari strati dell’atmosfera, arrivano sulla luna. (E Allah ne sa di più).

Uzay

L’esplorazione Dello Spazio

L'esplorazione dello spazio da parte dell'uomo è stata velocizzata grazie al lancio del satellite sovietico Sputnik avvenuto il 4 ottobre del 1957, lancio che è considerato dalla NASA come l'alba della "Space Age". Il primo uomo a lasciare l'atmosfera della Terra per la prima volta nella storia è stato il cosmonauta sovietico Yuri Gagarin, che ha intrapreso il suo volo spaziale nel 1961 a bordo della navicella Vostok 1. Il 20 luglio del 1969, l'astronauta americano Neil Armstrong è stato il primo essere umano a mettere piede sulla luna. Il Corano ci aveva rivelato che un giorno l'uomo sarebbe riuscito in queste imprese. Allah attira la nostra attenzione su questi fatti nel seguente versetto:

O consesso dei démoni e degli uomini, se potrete varcare i limiti dei cieli e della terra, fatelo. Non fuggirete senza un'autorità (proveniente da Allah). (Corano, 55:33)

La parola araba “sultan”, tradotta come "un'autorità," ha altri significati tra cui: forza, potere, sovranità, dominio, diritto, percorso, permesso, licenza, giustificazione e prova. Un attento esame rivela che il versetto sopra sottolinea il fatto che l'umanità sarà un giorno in grado di muoversi attraverso la profondità della Terra e del cielo, ma solo grazie a un potere superiore. Con ogni probabilità questo potere superiore è la tecnologia utilizzata nel XX secolo che ha permesso agli scienziati di realizzare questa grande impresa.

Ay yolculuğu

Moderni Mezzi di Trasporto

E [vi ha dato] i cavalli, i muli e gli asini, perché li montiate e per ornamento. E crea cose che voi non conoscete. (Corano 36: 41-41)

Il versetto sopra indica che, oltre agli animali citati, la gente avrà a disposzione altri mezzi di trasporto che all'epoca erano ancora a loro sconosciuti. Il versetto seguente indica il fatto che ci saranno mezzi di trasporto di massa come ad esempio le navi:

È un segno per loro, che portammo la loro progenie su di un vascello stracarico.

E per loro ne creammo di simili, sui quali s'imbarcano. (Corano 36: 41-42)

ulaşım araçları
ulaşım araçları

La Trasmissione Delle Immagini

Uno, che aveva conoscenza del Libro, disse: “Te lo porterò prima ancora che tu possa battere ciglio”. Quando poi [Salomone] lo vide posarsi presso di sé, disse: “Questo è parte della grazia del mio Signore per mettermi alla prova, [e vedere] se sarò riconoscente o ingrato. Quanto a chi è riconoscente, lo è per se stesso, e chi è ingrato... [sappia che] il mio Signore basta a Se Stesso ed è generoso”. (Corano 27:40)

"Uno, che aveva la conoscenza del Libro", disse al profeta Salomone che avrebbe potuto portargli il trono della regina di Saba molto rapidamente. Questo è un possibile riferimento alla trasmissione di immagini che avviene grazie alla tecnologia moderna. Un altro versetto sullo stesso argomento afferma:

Un ifrit tra i dèmoni, disse: “Te lo porterò prima ancora che tu ti sia alzato dal tuo posto, ne sono ben capace e son degno di fiducia”. (Corano 27: 39)

Oggigiorno testi, immagini e filmati possono essere inviati in qualsiasi parte del mondo in pochi secondi grazie a Internet e ai progressi nella tecnologia dei computer. Il fatto di portare il trono della regina al profeta Salomone molto rapidamente potrebbe fare riferimento all'invio di una foto o di un'immaine tridimensionale che oggigiorno è possibile fare in un batter d'occhio. Secondo gli scienziati, il teletrasporto di atomi e molecole così come quello di corpi più grandi, può diventare possibile in un prossimo futuro. Durante il teletrasporto, le caratteristiche del materiale dell'elemento verranno spostate da una postazione e trasferite in un'altra dove poi verrano ricomposte in ogni dettaglio e sequenza atomica. Se questo un giorno sarà possibile, il tempo e lo spazio non rappresenteranno più un ostacolo, e gli oggetti potranno essere trasportati ovunque in un solo momento, senza dover attraversare alcuna distanza fisica.122

Nel 1998, i fisici del California Institute of Technology (Caltech) insieme a due gruppi europei hanno trasportato un fotone. Gli scienziati hanno formato una copia del fotone leggendo la sua struttura atomica e quindi hanno trasmesso l'informazione ad una distanza di 1 metro (3,28 piedi). In un altro recente esperimento di teletrasporto, Ping Koy Lam dell'Università Nazionale Australiana (ANU) e altri ricercatori hanno trasmesso un raggio laser a una breve distanza.123

uçak

Secondo un rapporto della CNN, il 17 luglio del 2002 un gruppo di fisici della Australian National University di Canberra ha diviso un raggio laser e lo hanno "trasmesso" per diversi metri. Ping Koy Lam, capo del team, ha dichiarato che non erano ancora riusciti a trasmettere la materia nel suo stato atomico, ma che una cosa del genere non era impossibile e che potrà diventare una realtà nel futuro.

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista scientifica “Nature”, Eugene Polzik dell'Università danese di Aarhus e dei suoi colleghi, hanno eseguito degli esperimenti su un gran numero di atomi utilizzando la fisica quantistica e i raggi laser.124 Nel suo studio sul potenziale del teletrasporto pubblicato nella rivista “Scientific American”, il fisico australiano Anton Zeilinger afferma che dei sistemi molto più complessi potrebbero essere teletrasportati senza violare le leggi della fisica.125

Questi progressi scientifici possono rappresentare una parte delle tecnologie indicate nel Corano, che ne rivelano gli aspetti miracolosi.

La Trasmissione Olafttiva

Disse: “Oggi non subirete nessun rimprovero! Che Allah vi perdoni, Egli è il più misericordioso dei misericordiosi. Andate con questa mia camicia e posatela sul viso di mio padre: riacquisterà la vista. Conducetemi tutta la vostra gente”. Non appena la carovana fu ripartita, disse il padre loro: “Davvero sento l'odore di Giuseppe, e non dite che sto delirando”. (Corano 12: 92-94)

koku nakli

Il sistema USB-Pad prodotto dall'azienda Duftspezialisten, consente ai pc di emanare fragranze in base alle preferenze dei loro utenti. Grazie a questo sistema di trasmissione di profumi, un'unità disco può fornire una corrente aerea controllata dal computer. Il profumo proviene da una cartuccia sostituibile contenente 20 diversi tipi di olio. Questi sistemi di emissione di profumi controllati dai computer, possono fornire anche suoni e immagini dalla natura.

Oggi gli scienziati affermano che in un prossimo futuro sarà possibile teletrasportare gli atomi e le molecole di profumo. Nel versetto 94 della Sura Yusuf, il padre del profeta Giuseppe dice che riesce a sentire l'odore di suo figlio. Gli scienziati dicono che presto sarà possibile inviare profumi nello stesso modo in cui vengono inviate foto e immagini tridimensionali. Questo versetto potrebbe quindi fare riferimento a una tecnologia avanzata che un giorno sarà in grado, partendo dalle attuali ricerche, di trasmettere gli odori. La sede dell'olfatto è il cervello. Le molecole di una buccia di limone ad esempio stimolano i recettori olfattivi del naso, che poi le trasmettono al cervello sotto forma di segnali elettrici per l'analisi. Anche gli odori artificiali possono essere percepiti nella stessa maniera.

Il sistema olfattivo di un essere umano permette a un naso “allenato” di nominare e distinguere fino a 10.000 odori diversi. Professionisti del settore della profumeria che hanno ricevuto una formazione speciale sono in grado di percepire un profumo che contiene 100 essenze odorose e quindi elencarne gli ingredienti.126 Questo ha spinto molti scienziati a progettare apparecchiature simili al naso. In molti centri di ricerca si sta tentando di riprodurre il sistema olfattivo umano. I modelli sviluppati vengono definiti “naso elettronico".

I recettori del naso umano sono composti da proteine; quelli nel “naso elettronico” sono costituiti invece da una serie di recettori chimici. Ogni recettore è progettato per rilevare odori diversi; più le loro capacità di distinzione migliorano, più difficile diventa la produzione e maggiore è il costo. I segnali rilevati dai sensori vengono trasformati in codici binari mediante sistemi elettronici, e quindi inviati a un computer. Si può pensare ai sistemi elettronici come a un'imitazione delle cellule nervose responsabili della rilevazione dei profumi, e al computer come al cervello. Il computer è programmato per analizzare i dati e interpreta quindi i segnali del codice binario. I “nasi elettronici” sono attualmente utilizzati nell'industria alimentare, chimica e dei profumi, così come anche in medicina. Le università e le organizzazioni internazionali stanno fornendo un importante suporto a questo progetto. Tuttavia, come affermato da Julian W. Gardner dell'Università di Warwick, i ricercatori sono ancora nelle fasi iniziali.

I ricercatori della NASA stanno mettendo a punto un naso artificiale estremamente sensibile per l'esplorazione spaziale. Questo dispositivo che può essere programmato per distinguere quasi qualsiasi tipo di composto, sarà molto più sensibile del naso umano. Servirà come parte di un sistema di sicurezza intelligente, e sarà in grado di rilevare le sostanze pericolose nella stazione spaziale.127

I Pozzi Artesiani

Li dividemmo in dodici tribù o nazioni. Quando il suo popolo gli chiese da bere, ispirammo a Mosè: “Colpisci la roccia con la tua verga”. Sgorgarono da essa dodici sorgenti e ogni tribù conobbe da dove avrebbe dovuto bere; prestammo loro l'ombra di una nuvola, e facemmo scendere la manna e le quaglie: “Mangiate le buone cose di cui vi abbiamo provvisto”. Non è a Noi che fecero torto, fecero torto a loro stessi. (Corano 7: 160)

Il versetto sopra parla di quando il popolo del profeta Mosè gli ha chiesto dell'acqua e di come lui ha messo a loro disposizione delle sorgenti da cui poter bere. E' chiaro che quella gente soffriva a causa di una carenza d'acqua., problema che esiste ancora attualmente; oltre 1 miliardo di persone oggi non ha accesso ad acqua pulita e 2,4 miliardi di persone vivono ancora senza servizi igienici adeguati. Secondo alcune stime, entro il 2025 circa 5 miliardi di persone non avranno accesso a una quantità sufficiente d'acqua.128 Ogni anno, circa 12 milioni di persone muoiono per mancanza d'acqua, 3 milioni dei quali sono bambini.129

Oggi, 31 paesi, vale a dire circa l'8 per cento della popolazione mondiale, devono affrontare una scarsità cronica d'acqua dolce. Entro il 2025 questo numero è destinato a salire a 48. Secondo le previsioni delle Nazioni Unite, l'acqua dolce rinnovabile diventerà una risorsa ancora più limitata entro il 2025, e i 131 milioni di persone che soffrono per problemi legati alla scarsità d'acqua salirà a 817 milioni o a 1 bilione e 70 (in base alla crescita della popolazione).

Le acque sotterranee, la principale fonte di acqua dolce sulla Terra, rappresentano oltre il 90 per cento delle riserve d'acqua dolce disponibili e sono quindi indispensabili per soddisfare le esigenze d'acqua di 2 miliardi di persone. Costituiscono la principale fonte d'acqua per il 50 per cento della popolazione americana, dato che sale al 95 per cento nelle zone rurali. Le acque sotterranee sono anche la fonte più sicura di acqua fresca. Allo stesso tempo, possono essere utilizzate per produrre energia geotermica e risparmiare energia utilizzando pompe di calore.

Quando l'acqua aspirata dal suolo arriva a uno strato sotterraneo impermeabile, si ferma formando un deposito d'acqua. Quest'acqua viene poi portata in superficie attraverso i pozzi.

Il fatto che i pozzi artesiani emergano dalle zone rocciose è in accordo con la descrizione nel Corano. Dato che Allah ordinò al profeta Mosè di colpire la roccia, il versetto 160 della Sura al-A`raf può essere un riferimento ai pozzi. (E Allah ne sa di più.) Il verbo “idrib” tradotto come "colpisci", può significare anche "alzare, aprire." Questo versetto può quindi descrivere una sorgente d'acqua che viene aperta attraverso la perforazione di una roccia. Come risultato, l'acqua pressurizzata emerge, come descritto dal verbo “inbajasa” (che significa versare, fluire liberamente, traboccare, scorrere), proprio come accade con i pozzi artesiani. Se si forma una pressione sufficiente, l'acqua può continuare a scorrere in superficie senza la necessità di una pompa.

Le soluzioni moderne impiegate per affrontare il bisogno d'acqua utilizzano le risorse idriche sotterranee. Uno dei metodi più efficaci è quello dei pozzi artesiani. In altre parole probabilmente l'uomo sta inconsapevolmente copiando l'esempio del Profeta Mosè di colpire o sollevare la roccia. Il versetto 160 delle Sura al-A`raf può quindi essere un riferimento ai pozzi artesiani, il primo dei quali è stato realizzato nel 1126 nella regione francese di Artois. (E Allah ne sa di più.)

Energia Atomica E Fissione

Allah schiude il seme e il nocciolo: dal morto trae il vivo e dal vivo il morto. Così è Allah. Come potete allontanarvi da Lui? (Corano 6:95)

I termini "seme" (“al-habb”) e "nocciolo" (“al-nawaa”) nel versetto sopra possono indicare la scissione dell'atomo. Tra i significati della parola “al-nawaa” ci sono anche "nucleo centrale e nucleo atomico." Inoltre, la descrizione del “trarre” il vivo dal morto può essere interpretata come la creazione da parte di Allah della materia dall'energia morta. Trarre il morto dal vivo può fare riferimento all'energia (morta) che emerge dalla materia (vivente), dal momento che l'atomo è in movimento. (E Allah ne sa di più.) Questo perché “hayy” oltre che significare “vivo”, può significare anche "attivo, energico". Con il suo significato di "morto", “mayyit”, può molto probabilmente riferirsi all'energia. Gli scienziati definiscono l'energia come la capacità di compiere lavoro. La materia, che compone tutte le cose sulla Terra e nell'universo, consiste di atomi e molecole in movimento, che possono essere osservati con un microscopio elettronico. All'inizio del XX secolo, Albert Einstein (d.1955) teorizzò che la materia potesse essere convertita in energia, suggerendo che le due fossero connesse tra loro a livello atomico. Questa potrebbe essere il “trarre il morto dal vivo” descritto sopra o, in altre parole, l'ottenere energia dalla materia che è in movimento a livello atomico.130 Inoltre, “yukhriju”, tradotto come "allontanarvi", significa anche "portare fuori, emettere" (come nel caso delle onde elettriche). Pertanto, i termini in questo versetto possono indicare l'energia ottenuta dall'atomo. (E Allah ne sa di più.) Gli scienziati oggi sono in grado di scindere l'atomo dividendo il suo nucleo. Prendendo le teorie di Einstein come punto di partenza, nel 1940 si è potuto ottenere l'energia dalla materia per mezzo della fissione nucleare, il processo di scissione del nucleo atomico. La parola “faaliqu” nel versetto 95 della Sura al-An`am, tradotta come "schiude", può essere un riferimento al significato letterario della parola “fissione”: il processo di scissione (del nucleo dell'atomo). Durante questo processo vengono rilasciate enormi quantità di energia. I fenomeni descritti in questo versetto fanno pensare alla scissione del nucleo dell'atomo al fine di ottenere l'energia atomica. Il versetto può quindi essere un riferimento alla fissione nucleare che è stata resa possibile solo dalla tecnologia del ventesimo secolo. (E Allah ne sa di più)

atom

1. atom

2. nucleus

3. neutron

4. quark

Oggi il nucleo atomico può essere diviso in nuclei più piccoli mediante la fissione nucleare

 

Notes

114. Warren Treadgold, A History of the Byzantine State and Society (Palo Alto, CA: Stanford University Press: 1997), pagg. 287-99.

115. Warren Treadgold, A History of the Byzantine State and Society (Palo Alto, CA: Stanford University Press: 1997), pagg. 287-99.

116. http://fstav.freeservers.com/emperors/heraclius.html

117. Treadgold, A History, 287-99.

118. http://impearls.blogspot.com/2003_12_07_impearls_archive.html

119. National Park Service, Lowest Places on Earth, http://www.nps.gov/deva/learn/nature/lowest-places-on-earth.htm

120. Mummifying-balm recipe is older than the pharaohs, Sid Perkins, Nature Magazine, 13 agosto 2014

121. Imam Taberi, Taberi Tefsiri (Commentary of AT-Tabari) (Istanbul: Umit Yayincilik), 5:2276.

122. Anil Ananthaswamy, "Teleporting larger objects becomes real possibility," New Scientist, 6 febbraio 2002.

123. Dr. David Whitehouse, BBC News Online, 17 giugno 2002.

124. Atom Experiment Brings Teleportation a Step Closer," Reuters, 26 settembre 2001.

125. James Schultz, “Teleporting, the Quantum Way,” Space News, 12 ottobre 2000.

126. Elise Hancock, "A Primer on Smell," Johns Hopkins Magazine, settembre 1996.

127. Mia Schmiedeskamp, "Plenty To Sniff At," Scientific American, marzo 2001.

128. “Climate Change Adding Stress to Scarce Water Resources,” DevNews Media Center, 5 giugno 2003.

129. “Water—The Essence of Life,” DevNews Media Center, 17 maggio 2002.

6 / total 11
You can read Harun Yahya's book I Miracoli del Corano 1&2 online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top