< <
1 / total: 13

1. La Morte

Introduzione

Di' [loro, o Muhammad]: « Invero, la morte che fuggite vi verrà incontro, quindi sarete ricondotti a Colui che conosce l'invisibile e il palese, e vi informerà a proposito di quel che avrete fatto. (Surat al-Jumua, 5-12)

La morte può coglierviin qualsiasi momento.

Chi sa, forse in questo stesso istante. In effetti, è più vicina di quanto voi non abbiate mai immaginato.

Queste righe possono essere l’ultima opportunità, l’ultimo richiamo, l’avvertimento estremo prima che la morte venga a prendervi. Nel momento in cui avanzate nella lettura di queste righe, non sapete se sarete ancora in vita fra un’ora. Anche se lo sapeste, niente vi garantisce che l’ora seguente non sia la vostra. Se vi lasciamo solo per un’ora, o anche per un istante, è così sicuro che sarete ancora in vita quando ritorneremo? Niente vi garantisce che finirete la lettura di questo libro. La morte, molto probabilmente, vi colpirà in un momento incui non l’aspettate affatto, in cui prima di allora non avevate mai pensato di poter morire.

Una cosa è certa: morirete, come tutti quelli che avete amato. Prima o dopo di voi forse, ma moriranno sicuramente. Tra un secolo, non ci sarà sulla Terra più nessuno con cui avevate rapporti.

Un’infinità di scopirelativi alla vita preoccupa l’essere umano : finire gli studi secondari, entrare all’università, avere un diploma, avere una professione rispettabile, sposarsi, avere dei bambini, avere una vita pacifica... sono queste le ambizioni i più comuni e più ordinarie dell’uomo,chiunque esso sia. Ci sono peraltro migliaia di altri progetti che rispondono alle situazioni personali di ciascuno.

La morte è una delle poche cose nella vita di cui l’arrivo è certo. È certa al cento per cento.

Dopo anni di duro lavoro, uno studente riesce a entrare all’università, ma trova la morte quando va al suo primo corso.Una persona che è appena stata assunta per un impiego, perde la vita giusto la mattina del suo primo giorno di lavoro. Un incidente d’auto provoca il decesso di una coppia il giorno stesso del loro matrimonio. Un brillante uomo di affari preferisce prendere l’aereo per guadagnare tempo, non sapendo che il volo tanto desiderato causerà una fine orribile alla sua vita.

A questo punto, i piani non sono più validi. Lasciando da parte quei progetti destinati a restare in sospeso per l’eternità, sono finiti nel luogoda dove non si ritorna mai, sebbene non abbiano tenuto mai conto di questo nei loro piani.

Ironicamente, negli anni queste persone hanno passato un tempo considerevole elaborando in dettaglio dei piani che non finiranno mai, mentre non avevano mai pensato, neanche per un istante, alla sola cosa certa che doveva arrivareloro.

Come dunque un uomo dotato di ragione e di saggezza deve decidere le sue priorità?Deve fare dei piani per la sola cosa certa nella sua vita? O per delle cose incerte? La maggioranza degli uomini, evidentemente, dà la priorità a obiettivi che è mai certa di realizzare. Quale che sia ilmomento della loro vita, le persone preferiscono fare dei piani per un futuro più radioso e rassicurante.

Questo atteggiamento sarebbe normale se l'uomo fosse immortale.

Ma il fatto è che tutti i piani sono destinati ad avere questa fine ineluttabile, chiamata morte. Così, è irrazionale ignorare la morte di cui l’avvento è certo, e dedicare ogni attenzione a cose che possono concretizzarsi oppure no.

Tuttavia, spinti da un incantesimo che incatena i loro spiriti, gli esseri umani non arrivano ad avere in mente questo fatto ora, sebbene sia così evidente.

La verità è che così gli uomini non potrannomai conoscere la loro vera vita, che comincia con la morte. Per questa ragione, non si preparano a viverla. E una volta risuscitati, non potrannoandare da nessuna parte se non all’inferno, un luogo preparato specialmente per loro.

Lo scopo che ci prefiggiamo è di spingere l’essere umano a riflettere su una fine che ha provato a ignorare e di avvertirlo dell’arrivo di un avvenimento imminente e ineluttabileEvitare di riflettere sulla morte non può, in nessuno modo, fornire una soluzione ai problemi.

 

1 / total 13
You can read Harun Yahya's book La Morte, La Resurrezione, L'inferno online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top